Domenica, 29 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ricatti e minacce al pentito Emanuele Mancuso, 10 indagati nel clan di Limbadi
'NDRANGHETA

Ricatti e minacce al pentito Emanuele Mancuso, 10 indagati nel clan di Limbadi

'ndrangheta, clan mancuso, limbadi, Emanuele Mancuso, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Emanuele Mancuso

Violenze psicologiche, pressioni e ricatti per indurre Emanuele Mancuso, «rampollo» dell’omonimo clan della 'ndrangheta di Nicotera e Limbadi, a interrompere la collaborazione con la giustizia avviata nel giugno 2018.

La Dda di Catanzaro ha chiuso l’inchiesta nei confronti di 10 indagati accusati a vario titolo di violenza privata, intralcio alla giustizia e favoreggiamento nei confronti di latitanti. Sono tutti accusati di aver posto in essere condotte (aggravate dalle modalità mafiose) finalizzate a convincere il collaboratore a lasciare il programma di protezione, ritrattare le accuse e non deporre nei processi.

A tale scopo avrebbero anche minacciato Emanuele Mancuso di sottrargli la figlia di poche settimane e tentato di convincerlo a farsi passare per pazzo. Tutto inutile perché Emanuele Mancuso, in un primo tempo fuoriuscito dal programma di protezione, ha poi ripreso a collaborare con la giustizia accusando anche il padre ed il fratello di gravi reati. Tutti gli indagati avranno ora venti giorni di tempo per chiedere al pm di essere interrogati o presentare memorie difensive.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook