Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reati in continuazione sull’asse Stilo-Piemonte: ridotta pena definitiva
LA SENTENZA

Reati in continuazione sull’asse Stilo-Piemonte: ridotta pena definitiva

di
Reggio, Calabria, Cronaca
Adolfo e Aldo Cosimo Crea

La Corte di Appello di Torino ha riconosciuto la continuazione tra le sentenze “Minotauro” e “Big Bang” ai fratelli Adolfo e Aldo Cosimo Crea, originari di Stilo nella Locride, condannati perchè ritenuti «capi del crimine torinese» operante in zona San Mauro.

I Giudici della terza sezione penale hanno sostanzialmente accolto la tesi difensiva, riconoscendo il principio della continuazione tra i reati nei confronti dei due fratelli Crea, individuando il reato più grave in quello disposto nella sentenza del processo “Minotauro”: quindi la pena complessiva per Adolfo è di 16 anni e 5 mesi, mentre per Aldo Cosimo Crea è di 18 anni (entrambi hanno già scontato 10 anni di reclusione).

Con il riconoscimento del continuato (a cui va aggiunto il beneficio della cosiddetta “liberazione anticipata”), secondo i calcoli della difesa composta dagli avvocati Del Sorbo e Bavaro, Adolfo Crea, ad oggi recluso sottoposto al regine del “41 bis”, potrà lasciare il carcere nei primi mesi del 2021. Quindi si avvia al completamento del percorso detentivo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook