Venerdì, 18 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, la terribile morte di Irina tra povertà e insofferenza
LA STORIA

Cosenza, la terribile morte di Irina tra povertà e insofferenza

di

È morta, come molti prima di lei, tra la povertà e l'indifferenza. Irina, 53 anni polacca, è sparita dalle strade di Cosenza nei giorni scorsi, spegnendosi giorno dopo giorno. A raccontare la sua storia, con grande amarezza, i volontari dell'associazione di volontariato “Casa nostra” legata alla Caritas diocesana, che spesso le hanno teso una mano.

Irina è morta sdraiata su un giaciglio fatto di stracci logori, un vecchio materasso e avanzi di cibo. Giunta in Italia da giovane, carica di speranze, è finita in strada dopo aver perso quell'unico lavoro che le permetteva di vivere e dopo essere stata anche derubata.

I volontari denunciano come "sulle stesse gradinate dove Irina ha consumato i suoi giorni, è possibile incontrare i volti della solitudine e dell'abbandono di G., di A., di N. Persone che fino a poco tempo fa lavoravano e per una misera paga, ma che ora, per uno scherzo della vita o un infortunio sul lavoro, sono finiti a vivere per strada".

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook