Sabato, 08 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, studente di 20 anni suicida dal ponte dell'Università
LA TRAGEDIA

Cosenza, studente di 20 anni suicida dal ponte dell'Università

di

Era sfinito, stremato da quel pensiero solitario e inconfessabile sbocciato nella sua testa. Quel disagio gli ha fornito l'alternativa possibile all'insopprimibile desiderio di vivere la vita, quella giovane vita che gli passava accanto tutti i giorni da appena vent'anni. Sembrava potesse bastargli, sembrava potesse bastargli l'amore dei suoi genitori e l'affetto degli amici. Ma nel reticolo dei sentimenti s'era spalancata improvvisamente una crepa invisibile, un innesco emotivo che l'ha spinto al suicidio, come ritengono i carabinieri del capitano Sebastiano Maieli che si occupano delle indagini. La rinuncia alla vita dev'essergli apparsa come l'unica via di fuga per non dare ascolto al lamento interiore.

E così, quella sua esistenza appena annusata, è sfumata, ieri mattina, all'alba, sotto il ponte “Bucci” dell'Unical. Le telecamere della videosorveglianza hanno ripreso tutto, da quando il ragazzo è arrivato alle pensiline. Da lì si è diretto sul ponte, ha camminato fino a raggiungere il punto più alto. Si è liberato degli effetti personali, sistemati con cura sulla ringhiera e si è lanciato nel vuoto. Il corpo, ormai privo di segni vitali, è stato scoperto da una studentessa dell'ateneo. Gli agenti della vigilanza privata hanno immediatamente allertato i carabinieri cui è toccato il compito di redigere l'informativa per il procuratore Mario Spagnuolo che ha già restituito ai familiari, per le esequie, i resti mortali del ragazzo.

Un gesto che ha sconvolto i familiari e i tanti amici che sono subito corsi all'Unical (dove lavora il papà come ricercatore). Un dolore privato che contamina l'intera società, incapace di intercettare il disagio dei giovani, i millennials, la generazione più fragile che vive confinata nei recinti social. E la solitudine è nutrimento di quel mal-di-vivere, insieme all'assenza di empatia e a una preoccupante aridità culturale. La società, distratta dalle leggi del business, fa poco per aiutare i suoi ragazzi, non sa offrire stimoli di crescita, non li considera protagonisti. Una tragedia sociale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook