Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La locale di 'ndrangheta a Cuneo, i Luppino scoperti grazie ad un pentito
L'OPERAZIONE

La locale di 'ndrangheta a Cuneo, i Luppino scoperti grazie ad un pentito

È servito l'aiuto di un collaboratore di giustizia, Domenico Agresta, per fare scoprire agli inquirenti l'esistenza di un “locale” di 'ndrangheta in provincia di Cuneo. Martedì, gli uomini della Squadra mobile di Torino coordinati dalla Procura antimafia del capoluogo piemontese hanno smantellato il “locale” di Bra, facendo emergere come la famiglia Luppino, da Sant'Eufemia d'Aspromonte, fosse riuscita a colonizzare - dal punto di vista criminale - il centro del Cuneese.

La cosca calabrese non solo controllava un vasto traffico di droga, principale business della sua attività, ma sarebbe anche riuscita a infiltrarsi dentro le forze dell'ordine, nella pubblica amministrazione e a godere di un peso specifico nel sistema sociale ed economico del centro in provincia di Cuneo. Nel registro degli indagati sono finiti, infatti, tre carabinieri, due poliziotti della Penitenziaria e un pubblico funzionario di Bra.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook