Giovedì, 28 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta in Piemonte, a mille chilometri di distanza valgono le regole dei boss calabresi
'NDRANGHETA

'Ndrangheta in Piemonte, a mille chilometri di distanza valgono le regole dei boss calabresi

di
Calabria, Cronaca
Adolfo Crea e Aldo Cosimo Crea

Per ravvisare il vincolo della continuazione, a fronte della riconosciuta appartenenza di un determinato soggetto a sodalizi criminosi, occorre specificamente indagare sulla natura dei vari sodalizi, sulla concreta operatività degli stessi e sulla loro continuità nel tempo, in modo che possa dirsi che l'iniziale deliberazione criminosa abbia trovato espressione concreta nella progressiva appartenenza di un soggetto ad una pluralità di organizzazioni ovvero, se del caso, ad una medesima organizzazione, operante permanentemente, al di là della giuridica cessazione della permanenza in corrispondenza della sentenza di condanna pronunciata in primo grado».

È quanto scrivono i giudici della Corte di Cassazione nella motivazione della sentenza del maxiprocesso scaturito dall'operazione “Big Bang”, sulla presenza ed operatività delle cosche della 'ndrangheta nel territorio del Piemonte.

I supremi “ermellini” hanno accolto il ricorso della Procura Generale nei confronti di Aldo Cosimo Crea e Adolfo Crea in merito al riconoscimento del vincolo della continuazione tra i reati di cui al presente giudizio e quelli oggetto della sentenza emessa all'esito del processo “Minotauro”.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook