Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Villa San Giovanni, sul Comune l’ombra delle ’ndrine: chiuse le indagini per l’inchiesta Cenide
IL PROCESSO

Villa San Giovanni, sul Comune l’ombra delle ’ndrine: chiuse le indagini per l’inchiesta Cenide

di
arresti, caronte & tourist, stretto di messina, villa san giovanni, Antonino Repaci, Calogero Famiani, Francesco Morabito, Giovanni Siclari, Reggio, Calabria, Cronaca
Francesco Morabito

Una chiusura indagini veloce quella per l’inchiesta Cenide, firmata dal procuratore Giovanni Bombardieri (pm Walter Ignazitto e Gianluca Gelso) il 13 maggio e già notificata ai 37 indagati e ai loro difensori.

L’operazione Cenide del dicembre 2019 - ricostruisce la Gazzetta del Sud in edicola - è lo tsunami che ha scosso il sistema politico-amministrativo del Comune di Villa San Giovanni ma anche la più grossa azienda che opera nel settore dell’attraversamento dello Stretto di Messina: quella sera sono finiti agli arresti domiciliari il sindaco della città Giovanni Siclari (da allora sospeso e attualmente con divieto di dimora a Villa), il presidente della Caronte& Tourist Antonino Repaci e l’amministratore delegato Calogero Famiani (oggi liberi ma anch’essi con divieto di dimora a Villa); in carcere il dirigente responsabile dell’ufficio tecnico Francesco Morabito e il responsabile pro tempore geometra Giancarlo Trunfio (oggi ai domiciliari). Non solo: anche interdizione dai pubblici uffici per 12 mesi per quasi tutto il settore tecnico villese, tra geometri, dipendenti e anche ex lsu coinvolti nel “metodo Morabito”.

Si aggrava complessivamente la posizione dell’ingegnere Francesco Morabito: l’ipotesi di reato di cui alla lettera “a” dell’avviso di garanzia è concorso in associazione a delinquere di stampo mafioso.

Stretto di Messina, arrestati il sindaco di Villa e manager della Caronte: nomi e foto degli arrestati

Con l’operazione dello scorso dicembre il procuratore Bombardieri ha svelato il presunto “metodo Morabito”. Non solo nei rapporti con Caronte&Tourist l’ingegnere capo avrebbe gestito da “padre padrone” l’ufficio tecnico comunale, ma ci sono pratiche edilizie e una cerchia di dipendenti e di professionisti grazie ai quali il dirigente avrebbe fatto il bello e il cattivo tempo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook