Martedì, 22 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fase 2, l'esperto: "Tre amici seduti al bar? Più pericolosa la fila per la spesa"
COMPONENTE TASK FORCE

Fase 2, l'esperto: "Tre amici seduti al bar? Più pericolosa la fila per la spesa"

di
bar, coronavirus, fase 2, Franco Romeo, Jole Santelli, Raffaele Bruno, Reggio, Calabria, Cronaca

«Una fila chilometrica all'ingresso del supermercato a distanza di un metro tra persone senza mascherina, è una situazione ad alta contagiosità. Certamente, è più pericolosa dei tre amici intorno ad un tavolo all'aperto muniti di dispositivi di protezione individuale e con attenzione al distanziamento sociale». Così il reggino Franco Romeo, direttore della cattedra di Cardiologia del Policlinico “Tor Vergata” di Roma, componente della task force a supporto dell'unità di crisi regionale, “legittima” alcuni passassi chiave della ordinanza della presidente della Regione, Jole Santelli.

La sua voce si aggiunge a quella dell'infettivologo Raffaele Bruno del “San Matteo” di Pavia che, invece, si era detto contrario alla riapertura decisa dalla governatrice calabrese. Dunque, due calabresi illustri, entrambi voluti in questa rete di scienziati, ma dalle posizioni argomentate in modo diverso. Parte da questa premessa, Franco Romeo: «Non esiste nessun modello matematico che ci dica esattamente cosa sia scientifico e cosa non lo sia. Bisogna, pertanto, tornare alla cultura della diffusione della malattia che avviene per via aerea e già nella fase asintomatica necessita che ci si attrezzi di mascherine»

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Reggio

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook