Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
INCHIESTA "JONNY"

'Ndrangheta nel Cara di Sant'Anna, don Scordio: "Mai dato soldi al clan Arena"

di
'ndrangheta, cara sant'anna, clan arena, inchiesta jonny, Edoardo Scordio, Paolo Lentini, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Don Edoardo Scordio

«Ho conosciuto Paolo Lentini (considerato dalla Procura antimafia di Catanzaro il reggente della cosca Arena e condannato a 16 anni e 4 mesi di reclusione nell'abbreviato di “Jonny”.) solo al catechismo. Poi non l'ho più visto».

In collegamento video col tribunale di Crotone, da Novara, don Edoardo Scordio, in oltre quattro ore di deposizione, ha cercato di smontare tutte le contestazioni che gli vengono addebitate nel processo scaturito dall'inchiesta “Jonny” della Dda di Catanzaro nel quale è imputato assieme ad altre 33 persone.

Davanti al collegio del tribunale presieduto da Marco Bilotta, il sacerdote ed ex parroco imputato per associazione mafiosa e malversazione, ha negato di aver incontrato o consegnato soldi ad esponenti del clan Arena.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Crotone della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook