Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
PROTEZIONE CIVILE

Maltempo, allerta meteo rossa in Calabria e in Sicilia: scuole chiuse in molte città

Allerta rossa per il maltempo domani sulla Sicilia orientale e su gran parte della Calabria. In particolare, sono interessate dall'allerta massima i versanti ionici delle due regioni. Scuole chiuse a Messina e in vari centri della provincia (Barcellona Pozzo di Gotto, Santa Teresa di Riva, Giardini Naxos, Milazzo e Letojanni), a Siracusa e Catania. Scuole chiuse anche in Calabria a Catanzaro, Crotone, Reggio, Lamezia, Vibo e nei centri minori.

Una vasta e profonda saccatura insiste sulla nostra penisola, accentuando il tempo perturbato, specie al sud con contributo di correnti nord-africane. Da domani, il centro di questa importante depressione si porterà sul tirreno centro-meridionale ed estenderà i fenomeni su gran parte del territorio, intensificando ulteriormente la ventilazione ed in generale incrementando le precipitazioni che potranno risultare diffusamente temporalesche e con quantitativi cumulati anche rilevanti.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte - alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, martedì 12 novembre, venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti meridionali su Puglia e Campania e da nord-ovest sulla Sardegna. Forti mareggiate lungo le coste esposte. Prevede, inoltre, precipitazioni diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Puglia, Campania e Sardegna.

Dal mattino di domani si prevedono venti da forti a burrasca, nord-orientali, su Veneto e Friuli Venezia Giulia, mareggiate lungo le coste esposte e precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale su Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Lombardia orientale. Dal pomeriggio di domani, infine, si prevedono venti da forti a burrasca sud-orientali, sui settori tirrenici del Lazio e sui versanti adriatici di Marche, Abruzzo e Molise, mareggiate lungo le coste esposte e precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Lazio, specie settori tirrenici meridionali.

Le precipitazioni saranno accompagnate da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 12 novembre, allerta rossa su gran parte della Calabria, sui settori costieri della Basilicata e sulla Sicilia orientale. Valutata, inoltre, allerta arancione sulla Puglia, e sui restanti settori di Basilicata, Calabria e Sicilia.

Allerta gialla, invece, su Emilia-Romagna, Lazio, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Campania, su settori di Lombardia, Veneto, Toscana e Sardegna e sui restanti settori di Basilicata. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

In Calabria a partire da questo pomeriggio e anche domani si prevedono, infatti, condizioni di maltempo con pioggia forte, temporali, vento e mareggiate. Molti comuni hanno diramato un'ordinanza di chiusura delle scuole.

La Protezione civile regionale ha diffuso un messaggio in cui aggrava l’allerta meteo già diramata ieri, trasformandola da arancione a rossa su gran parte della regione a partire da oggi pomeriggio e per tutta la giornata di domani. In particolare, la Protezione civile regionale prevede piogge e temporali diffusi, con venti forti e mareggiate lungo le coste esposte. In base alle previsioni meteo, quindi, è stato emessa l'allerta rossa su tutta la provincia di Reggio Calabria e sulla costa ionica catanzarese, crotonese e cosentina per criticità idrogeologiche e/o idrauliche e costiere, e arancione sulla fascia tirrenica cosentina ed il vibonese.

Già oggi in numerose città, tra cui Catanzaro e Crotone, le scuole sono rimaste chiuse. Domani rimarranno chiuse a Reggio Calabria, come comunicato dal sindaco Giuseppe Falcomatà, e nuovamente a Crotone. Il vice sindaco crotonese Benedetto Proto ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e ha attivato il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile è già stato attivato. "Il Coc - precisa il comunicato del Comune di Crotone - con uomini e mezzi sarà sul territorio per monitorare la situazione. Si raccomanda la massima prudenza nelle prossime ore e si invita la cittadinanza a limitare gli spostamenti". Il Comune ha disposto anche l’evacuazione dei fabbricati e delle abitazioni ubicate a ridosso del «canale 19», un corso d’acqua privo di argini che attraversa la località Margherita e le vie limitrofe, zona dichiarata a rischio idrogeologico R4 dalla Regione Calabria. Si tratta di 84 immobili nei quali risiedono decine di famiglie che nel gennaio dello scorso anno furono sottoposte a sequestro dalla magistratura, con facoltà d’uso per i proprietari, proprio perchè edificate in una zona ad alto rischio. La custodia è stata affidata al dirigente dell’ufficio urbanistica del Comune che nel caso di piogge intense è tenuto a disporre lo sgombero degli immobili.

A Lamezia Terme il dirigente del Comune Salvatore Zucco ha diramato l’allerta arancione e, con apposita ordinanza, ha dato disposizione che le scuole di ogni ordine e grado presenti in città rimangano chiuse nella giornata di domani. Domani scuole chiuse nella città capoluogo. A firmare l'ordinanza poche ore fa il sindaco di Vibo Maria Limardo che ha disposto la "chiusura delle scuole di ogni ordine e grado" . Il provvedimento è scattato in seguito alla comunicazione della sala operativa della Protezione civile regionale che ha diramato l'allerta meteo. Sino alle ore 24 di domani, infatti, si prevedono "precipitazioni a carattere di rovescio o temporale e i fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento con livello di criticità preallarme - codice arancione, per rischio idrogeologico per tutta la Regione". Uno scenario di rischio per cui sono state allertate tutte le strutture comunali competenti e su cui è stato fatto il punto in Prefettura dove alle 16,30 si è tenuta una riunione operativa. Anche nei comuni della provincia di Vibo sono diverse le ordinanze emesse dai sindaci che hanno disposto la chiusura delle scuole: Serra (sia domani che dopodomani), Simbario, Fabrizia, Capistrano, San Nicola da Crissa, Pizzo, Joppolo, Limbadi, Filogaso, Nardodipace, Mongiana e Nicotera. Questi alcuni dei comuni, anche se sono diversi i sindaci che stanno provvedendo in queste ore a firmare i relativi provvedimenti. Scuole chiuse anche a Motta San Giovanni, Palizzi, Scilla, Bagnara, Polistena, Caulonia, Brancaleone, Cinquefrondi, Melicucco, Gioiosa Ionica, Roccella, Villa San Giovanni, Locri, Stilo Bivongi, Gioia Tauro e Roghudi.

Domani rimarranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado e gli impianti sportivi di Catanzaro. Sospesa anche l’attività del mercato rionale di Santa Maria. Lo ha stabilito il sindaco, Sergio Abramo, firmando l’ordinanza che ha recepito l’allerta meteo rossa (il massimo grado) diramata dalla Protezione civile regionale. In considerazione dell’emergenza è attivo da questa mattina il Centro operativo comunale (Coc). Le squadre di pronto intervento del Comune sono impegnate a monitorare la situazione e attuare ogni misura necessaria ad affrontare eventuali rischi e pericoli a tutela della pubblica incolumità. Particolare attenzione è garantita al lungomare in virtù del rischio mareggiate. "Al fine di scongiurare pericoli per l’incolumità personale, si raccomandano le ditte private che stanno svolgendo dei lavori a verificare la piena sicurezza e la stabilità delle impalcature in considerazione dei forti eventi previsti".

Annullata anche la convocazione della seduta del Consiglio regionale della Calabria, prevista per domani.

In Calabria per la giornata di domani, 12 novembre, ci saranno possibili modifiche alla circolazione ferroviaria sulle linee Reggio Calabria Centrale – Catanzaro Lido, Catanzaro Lido – Crotone – Sibari e Catanzaro Lido – Lamezia Terme Centrale. Previsto un servizio sostitutivo con autobus, che sarà attivato compatibilmente all'evolversi delle condizioni metereologiche.

Le previsioni indicano una profonda area depressionaria centrata sul mare di Sardegna mantiene diffusa instabilità sull'isola e su gran parte del centro-nord, con una nuova perturbazione in arrivo in serata sulle regioni nord-occidentali; un’altra area di bassa pressione in formazione tra mar Libico e stretto di Sicilia si muoverà verso nord coinvolgendo gradualmente l’isola e il sud peninsulare e in serata raggiungerà nuovamente la Sardegna e parte delle regioni centrali peninsulari.

In Sicilia scuole chiuse domani a Messina, Siracusa e Catania e in tutti i comuni del Ragusano. Il sindaco etneo Salvo Pogliese d’intesa con l’assessore comunale alla protezione civile Alessandro Porto, e quello alla Scuola Barbara Mirabella ha infatti firmato l’ordinanza che prevede, tra l’altro, per domani la chiusura degli edifici scolastici di ogni ordine e grado e l'interdizione delle aree pubbliche potenzialmente a rischio quali parchi e giardini pubblici, mercati e cimiteri.

Dalle 17 di oggi è rallentata la circolazione ferroviaria sulla linea Caltanissetta – Gela e nel Trapanese e sospesa fra Dittaino e Motta. In considerazione del perdurare dell’allerta meteo anche nella giornata di domani, 12 novembre, è stato riprogrammato con possibili riduzioni il servizio ferroviario sulle linee Messina – Catania – Siracusa, Catania – Palermo e nel Trapanese. Sospesa precauzionalmente la circolazione sulle linee Siracusa – Modica – Gela – Canicattì e Catania – Caltagirone. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) sono al lavoro per verificare le condizioni dell’infrastruttura e ripristinare le normali condizioni di circolazione. Programmato un servizio sostitutivo con autobus, che sarà attivato compatibilmente all'evolversi delle condizioni metereologiche.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook