Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
COSENZA

Allarme ambientale dell'Ispra, la Legnochimica di Rende caso nazionale

di

I veleni sono sempre lì, nelle viscere dei pozzi della Legnochimica, il vecchio gigante industriale, morto e sepolto nel cimitero di contrada “Lecco” a Rende. I suoi miasmi intossicano ancora questo grande comprensorio che il tempo e la crisi hanno ridotto alla fame. Qui la gente ha paura, teme di respirare veleni.

Veleni nell'aria e nell'acqua dei suoi laghi di decantazione, un impasto mefitico che contamina la falda freatica che scorre nelle viscere di questa terra. L'angoscia di un popolo è contenuta nel rapporto dell'Ispra (che è l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) relativo al biennio 2017-2018, pubblicato dal Corriere della sera. Rende è inserito nei 30 “casi nazionali” per i quali è stato accertato un grave danno o minaccia ambientale.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook