Venerdì, 18 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
LA DENUNCIA DEGLI UTENTI

Bimbo morto a Vibo, paura tra i reparti: l'ospedale diventa "presidio da cui scappare"

di

Il giorno dopo resta il vuoto. Un silenzio che fa rumore tra i corridoi dell'ospedale Jazzolino di Vibo. Molti medici si trincerano dietro il silenzio. Altri spiegano che non è giusto far ricadere la colpa sugli anestesisti, costretti a turni massacranti pur di garantire le urgenze.

All'indomani della morte del bimbo nel grembo della madre, i corridoi del nosocomio sono semideserti, i pochi utenti in coda per le visite non riescono a non commentare l'episodio: «La sanità in questo territorio sta andando a rotoli e a pagare le conseguenze più gravi siamo noi pazienti». E così lo Jazzolino viene bollato come presìdio da cui scappare.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook