Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
CORTE DEI CONTI

Difesa del suolo in Calabria, danno erariale da 3 milioni: condannati Percolla e Vazzana

di

Una serie di operazioni giudicate anomale con conseguente danno erariale. Un sistema di liquidazioni che non è stato ritenuto totalmente legittimo. Sullo sfondo le importantissime opere dell'accordo quadro contro il dissesto idrogeologico calabrese. Milioni di euro gestiti dalla struttura commissariale che sono finiti in una inchiesta della Procura della Corte dei Conti.

Secondo i magistrati, Domenico Percolla «deve essere ritenuto integralmente responsabile dei pagamenti pari 1.990.740 euro relativi ai telerilevamenti Lidar e del 50% degli ulteriori pagamenti effettuati nei confronti del Centro di Geomorfologia integrata per l'area del Mediterraneo per l'attività di supporto tecnico logistico per un importo di poco superiore a 407mila euro». Insieme a Percolla è stato giudicato responsabile al 50% del danno anche Francesco Carmelo Vazzana «per i pagamenti complessivamente effettuati nei confronti del Cgiam per l'attività di supporto tecnico logistico, per avere provveduto alla liquidazione, in veste di soggetto attuatore, nonostante le perplessità manifestate dal commissario straordinario».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook