Sabato, 21 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LE INDAGINI

Narcotraffico, la 'ndrangheta punta su Bitcoin e delocalizzazione

di

Il porto di Gioia Tauro rappresenta ancora una delle rotte preferite dai trafficanti internazionali di stupefacenti, ma ha perso il primato di scalo privilegiato per l'ingresso della cocaina proveniente dal Sud America cedendo il passo ad altri terminal sul Mediterraneo e a quelli del Nord Europa.

L'analisi delle dinamiche geo-criminali è della Dia, come scrive la Gazzetta del Sud in edicola. Le inchieste nel settore degli stupefacenti hanno consentito di disvelare che le cosche reggine, si avvalgono di valide basi logistiche dislocate soprattutto in Germania e nei Paesi Bassi.

Altro aspetto di rilievo emerso dalle indagini, è rappresentato dal tentativo dei calabresi di pagare i carichi di droga ai referenti sudamericani, in particolare brasiliani, attraverso l'uso di bitcoin, la criptovaluta; operazione non riuscita per l'incapacità dei narcos sudamericani di utilizzare tali strumenti di pagamento innovativi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook