Domenica, 18 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Donna morta in pronto soccorso dopo ore d'attesa a Cosenza: due casi in una settimana

di

Morire... d'attesa. Ivana Curcio, 57 anni, cosentina era arrivata al pronto soccorso dell'Annunziata - il più grande presidio ospedaliero dell'area settentrionale della Calabria - alle nove del mattino. Accusava dolori addominali. Il reparto, come al solito, era strapieno di gente. Tanti pazienti erano in fila per essere visitati e più passavano le ore più diventavano.

Ivana, scrive la Gazzetta del Sud in edicola ha aspettato a lungo il suo turno è stata sottoposta ad esami diagnostici naturalmente secondo i tempi scanditi da un reparto preso quotidianamente d'assalto. È rimasta nelle stanze di soccorso fino alle 19 e aspettava la consulenza di un chirurgo che, nel frattempo era impegnato in sala operatoria per altre urgenze, quando il suo cuore ha cessato di battere. Provate a immaginare la reazione dei familiari quando la donna è spirata: urla, disperazione, rabbia. Tanto che sono intervenuti i carabinieri.

Una cosa è certa: in una settimana due donne sono morte in altrettanti presidi ospedalieri del Cosentino: prima Santina Adamo, 36 anni, a Cetraro, subito dopo il parto a causa di una emorragia; ora Ivana Curcio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook