Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Nomine irregolari alla Regione Calabria, interdizione annullata per due dirigenti

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha annullato l'ordinanza con cui il Gip del capoluogo aveva disposto l'interdizione dai pubblici uffici, disposta a seguito dell'inchiesta denominata "Passepartout", per il direttore generale Giovanni Forciniti e per il dirigente del Dipartimento Sviluppo economico della Regione Calabria Fortunato Varone, in quanto ritenuti responsabili del reato di abuso di ufficio.

Forciniti e Varone, insieme al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, sono indagati per abuso in atti d'ufficio in relazione alla nomina di Forciniti a direttore generale dell'azienda Calabria Lavoro. Secondo l'accusa, la procedura era stata viziata da irregolarità.

La vicenda si inserisce in quella più ampia che vede coinvolto il presidente della Regione Calabria e altri politici ed amministratori, tra i quali anche il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto.

L'abuso si sarebbe concretizzato nell'ambito di un procedimento di selezione pubblica avviato l'8 maggio del 2018 per la copertura dell'incarico di direttore generale dell'Azienda Calabria Lavoro.

Forciniti è stato difeso dall'avvocato Francesco Gambardella e dall'avvocato Aurelia Zicaro. Mentre Varone è stato difeso dall'avvocato Danilo Iannello.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook