Sabato, 17 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
NEL COSENTINO

Candeggina nel calice della messa a Rose, l'ex parroco: "Ritrovare lo spirito costruttivo"

«Esprimo la mia piena solidarietà al parroco di Rose Don Claudio Albanito, come già fatto telefonicamente, ed invito tutta la popolazione di Rose e l’intera comunità cristiana a stringersi attorno al parroco favorendo il ripristino della piena comunione attraverso una collaborazione fraterna per il bene e la crescita spirituale vera e sincera».

Lo scrive oggi l’ex parroco di Rose, don Battista Belcastro, che, anche su invito dello stesso arcivescovo di Cosenza, monsignor Francesco Nolè, interviene sulla vicenda capitata a don Claudio Albanito, attuale parroco.

Sabato scorso il sacerdote, nel corso della celebrazione della Santa Messa, è rimasto intossicato per aver bevuto del liquido ancora non identificato, probabilmente candeggina, da un calice. Ancora non è chiaro se si sia trattato di un errore nel lavaggio delle stoviglie o di un’azione voluta da qualcuno.

Nei giorni scorsi anche il Vescovo di Cosenza, monsignor Nolè, con una lettera aperta, ha espresso vicinanza a don Albanito e ha invitato «l'autore, o chi è conoscenza del fatto, a collaborare con le forze dell’ordine perchè il dubbio di un atto sacrilego non ricada su persone innocenti o su tutta la comunità».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook