Martedì, 22 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Rimborsopoli in Calabria, il danno presunto è di centinaia di migliaia di euro

di
calabria, rimborsopoli, Antonio Scalzo, Carlo Pietro Calabrò, Francesco D’Agostino, giuseppe gentile, Giuseppe Neri e Giuseppe Graziano, Luigi Danilo Latella, Calabria, Cronaca
Palazzo Campanella

Sbagliare è umano, perseverare diabolico. Il meccanismo infernale s'innesca ancora una volta a Palazzo Campanella, la sede del Consiglio regionale teatro dell'ennesima indagine della Corte dei Conti che continua a scavare nel calderone delle spese per il funzionamento dei gruppi.

Dal pozzo di San Patrizio, riporta la Gazzetta del Sud in edicola,  continuano a saltare fuori contestazioni, primo atto del procedimento per danno erariale è destinato a sette persone tra politici e dirigenti regionali.

I primi, i politici, sono gli ex componenti dell'ufficio di presidenza del Consiglio regionale Antonio Scalzo, Francesco D'Agostino, Giuseppe Gentile, Giuseppe Neri e Giuseppe Graziano, tutti in carica nel 2015, l'anno sul quale è concentrata l'ennesima inchiesta contabile. I due dirigenti sono invece Luigi Danilo Latella e Carlo Pietro Calabrò rispettivamente dirigente del servizio Bilancio e Ragioneria del Consiglio regionale e segretario generale dell'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale.

È doppio il fronte aperto dalla procuratrice regionale Rossella Scerbo, che chiede adesso conto di un presunto danno per centinaia e centinaia di migliaia di euro. Filo conduttore è l'utilizzo dei fondi destinati, tra il 2011 e il 2012, ai gruppi consiliari.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook