Domenica, 25 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
CATANZARO

Troppi escrementi di cani sui marciapiedi calabresi, il Codacons: usare la prova del Dna

Usare la prova del Dna come deterrente per imporre ai proprietari di cani severe sanzioni per la mancata raccolta degli escrementi distribuiti per le strade cittadine. È quanto propone il Codacons che invita i Comuni calabresi ad emettere un'apposita ordinanza in materia.

"Nella regione tra cani e gatti - è detto in una nota dell'associazione - risultano registrati circa 140mila animali, così distribuiti: a Cosenza 47mila, a Reggio Calabria 37mila, a Catanzaro 27mila, a Crotone 15mila ed a Vibo Valentia 13mila. Purtroppo risultano inutili le norme che prevedono sanzioni, anche importanti, per i proprietari".

"Troppo difficile applicarle, troppo difficile cogliere qualcuno sul 'fatto'. Eppure il legislatore ha previsto che chi decide di tenere un cane, debba assumersi la responsabilità delle azioni compiute dall'animale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook