Martedì, 16 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
LE RIVELAZIONI

Reggio, già nel '91-'94 Nino Lo Giudice fu a un passo dal pentimento

di
'ndrangheta, pentito, reggio, Nino Lo Giudice, Reggio, Calabria, Cronaca
Il pentito Nino Lo Giudice

Ottobre 2010: Nino Lo Giudice era in galera per l'operazione “Bless”, arrestato dalla Squadra Mobile della Questura reggina, quando decise di saltare il fosso, rinnegare la 'ndrangheta e recidere il legame, fortissimo, che aveva con la sua famiglia - che capeggiava - indicata come una delle anime mafiose dei quartieri Santa Caterina e Tremulini.

Ma Nino Lo Giudice, conosciuto proprio negli ambienti della 'ndrangheta cittadina come il “nano” (nomignolo che ancora oggi si porta dietro), è stato a un passo dal pentirsi, e dal vuotare il sacco ai magistrati della Direzione distrettuale antimafia, già 15 anni prima. «Tra il '91 e il '93, quando ero al “41-bis” all'Asinara» ha raccontato in Corte d'Assise (giovedì nel corso della prima tranche di un lungo, intenso, esame) nel processo «'Ndrangheta stragista».

Un'idea che però non ebbe seguito come lo stesso pentito ha spiegato al procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo: «In quel periodo non riuscivo ad accusare familiari ed amici, sì la mia famiglia e i miei amici di sempre: è questo che mi ha frenato e mi ha convinto a fare un passo indietro».

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook