Domenica, 18 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
LE INDAGINI

Il femminicidio di Cassano, gli inquirenti al lavoro per capire se è stato un omicidio premeditato

"Sulle motivazioni addotte da Giovanni De Cicco durante l’interrogatorio manteniamo lo stretto riserbo, anche perché nelle prossime ore ci sarà l'interrogatorio di garanzia. E’ chiaro che il De Cicco abbia cercato di limitare le sue responsabilità».

A dirlo è stato il procuratore della Repubblica di Castrovillari Eugenio Facciolla in merito alle indagini sull'omicidio di Romina Iannicelli, di 44 anni, uccisa a Cassano allo Ionio e per il cui delitto è stato sottoposto a fermo il marito Giovanni De Cicco, di 48 anni.

«Anche perché - ha aggiunto Facciolla - c'è una grossa differenza tra un delitto d’impeto e un delitto ragionato. Comunque noi stiamo lavorando alacremente anche perché al nostro arrivo abbiamo trovato la casa a soqquadro».

«De Cicco - ha detto Facciolla - è stato ripreso mentre usciva dall’abitazione con delle borse e noi stiamo anche cercando di sapere cosa c'era in quelle borse e nell’abitazione abbiamo trovato un bastone spezzato in due».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook