Sabato, 16 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palmi, il fallimento della RaDi è ufficiale: da smaltire ammassi di rifiuti pericolosi
ALLARME

Palmi, il fallimento della RaDi è ufficiale: da smaltire ammassi di rifiuti pericolosi

di
fallimento della RaDi, raccolta differenziata, RaDi Palmi, rifiuti pericolosi, Carmelo Ciccone, Reggio, Calabria, Cronaca
Rifiuti pericolosi da smaltire

Dopo una lunga agonia è fallita ufficialmente la RaDi, società di raccolta e trattamento rifiuti con sede a Palmi. Gli amministratori giudiziari dell'azienda, nello scorso dicembre, avevano licenziato i 32 dipendenti che erano rimasti sotto contratto chiudendo di fatto i cancelli dell'azienda sequestrata nel 2013 quando la Procura antimafia di Reggio Calabria aveva arrestato il proprietario, l'imprenditore Carmelo Ciccone, nell'inchiesta “Casa mia”.

Il Tribunale aveva nominato dei curatori giudiziari. All'inizio le cose non erano andate male (in organico c'erano 130 dipendenti tra operai e personale amministrativo), ma poi i Comuni legati con la RaDi da un contratto per la raccolta dei rifiuti avevano iniziato a non pagare e le commesse cominciavano a calare. Una situazione che aveva portato l'azienda dentro una crisi dalla quale non è più riuscita a uscire: licenziati la maggior parte dei dipendenti, a dicembre scorso la chiusura e l'avvio della procedura di fallimento. Procedura conclusasi negli ultimi giorni con la dichiarazione ufficiale del fallimento. Il giudice ha nominato un curatore fallimentare, un commercialista di Palmi, che gestirà questa fase facendo un punto su crediti e debiti e subito dopo presenterà lo stato del passivo dell'azienda al giudice. Quest'ultimo, nella fase successiva, tenterà di pagare i creditori anche mettendo all'asta i beni aziendali.

Adesso il compito di capire come gestire la situazione potrebbe toccare proprio al curatore, qualora il giudice gli abbia dato l'incarico di occuparsi anche della vicenda. Nell'area che ospita gli impianti di lavorazione dei rifiuti della RaDi, infatti, si sarebbero accumulati ammassi di rifiuti non lavorati e, pare, anche pericolosi.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook