Martedì, 19 Febbraio 2019
stampa
Dimensione testo
LA RELAZIONE DELLA DIA

Calabria, il fascino diabolico delle mafie seduce le nuove generazioni

di

La “mente” in Calabria e gli affari in tutto il mondo. La Direzione investigativa antimafia descrive nella sua relazione semestrale la 'ndrangheta come una mafia internazionale ferma nel mantenere precisi riferimenti territoriali e vecchi rituali.

Le numerose interdittive antimafie emesse dalle prefetture, le inchieste della magistratura testimoniano dell’infiltrazione delle cosche calabresi nei più variegati settori: dalla raccolta dei rifiuti all’edilizia, passando dagli autotrasporti e la ristorazione.

I clan s’infilano pure negli appalti pubblici utilizzando “teste di legno” che partecipano così direttamente alla spartizione delle risorse finanziarie collettive. Nelle aree diverse da quelle di origine, i boss calabresi replicano sperimentati “modelli” criminali.

Ma quello che più inquieta della relazione della Dia è il fascino che la subcultura mafiosa ed i “modelli” che ne derivano esercitano sulle nuove generazioni. I nuovi mafiosi in Calabria, Sicilia, Puglia e Campania sono infatti molto giovani e usano strumenti di comunicazione che «consentono di aggregare velocemente gli affiliati al sodalizio e, allo stesso tempo, di rendere più difficoltosa l’intercettazione dei messaggi».

I nuovi aspiranti boss mostrano inaudita ferocia e moderne capacità di relazione incarnando il nuovo stereotipo del mafioso moderno e spietato.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X