Martedì, 19 Febbraio 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Narcotraffico, a Locri chiesti trent’anni per Macrì: è figlio dello storico boss ‘Ntoni

di
boss di siderno, ndrangheta droga, traffico internazionale droga, Vincenzo Macrì, Reggio, Calabria, Cronaca

Vincenzo Macrì, ritenuto esponente di vertice dei clan di Siderno, rischia 30 anni di reclusione. La richiesta di condanna è stata formulata dal pm Antonella Crisafulli al termine della requisitoria di uno stralcio del procedimento scaturito dall’operazione “Acero Krupy”.

Nel processo in corso davanti al tribunale penale di Locri, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, il 54enne Macrì, detenuto e presente in aula attraverso il video collegamento con il carcere di Sassari, è indicato dalla Procura antimafia quale esponente di vertice da un lato di un’associazione finalizzata al narcotraffico, dell’altro del clan sidernese dei Commisso. L'uomo è figlio del defunto Antonio Macrì il “boss dei due mondi”.

Il pm Crisafulli ha richiamato l’attenzione sulle informative “Acero”, dei carabinieri del Ros, e “Siderno Connection” dello Sco e della Squadra Mobile di Reggio Calabria e sulle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Antonio Femia.

Ha invece concluso per l’assoluzione l’avv. Maria Candida Tripodi, difensore di Macrì, che ha posto una serie di eccezioni tra le quali l’inutilizzabilità delle intercettazioni captate al suo assistito in Olanda.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X