Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA VERTENZA

Nuova protesta per gli Lsu-Lpu calabresi, oggi strade bloccate a Rende e Reggio

di
emendamenti finanziaria, ex lsu-lpu calabria, protesta precari calabria, stabilizzazione Lsu-lpu, Calabria, Cronaca
La manifestazione degli Lsu-Lpu di alcuni giorni fa a Lamezia

La guerra delle disperazione si combatte ormai da giorni in ogni angolo di questa terra. Una guerra che rischia di portare altra fame in una regione depressa e senza speranze. Dal Pollino allo Stretto il destino di 4.500 lavoratori è nelle mani della politica.

Un destino che si gioca sui tavoli di Roma e Catanzaro. La loro sopravvivenza, e quella delle loro famiglie, è strettamente legata a quella di tanti piccoli Municipi dove gli ex Lsu-Lpu sono stati impiegati consentendo agli enti (a corto di finanze) di funzionare ugualmente, garantendo i servizi essenziali alle popolazioni. Senza di loro, ci ritroveremmo davanti al crac dei borghi più remoti.

L’opzione della stabilizzazione dei precari è rimasta fuori dall’agenda di governo. Un buio che permane anche dopo la scadenza dei termini per la presentazione degli emendamenti, con una sola proposta sottoscritta da 14 parlamentari grillini - come riporta la Gazzetta del Sud oggi in edicola - che, però, non sembra strutturata adeguatamente nella parte della copertura economica.

Nuova protesta degli ex Lsu-Lpu a Lamezia, stazione centrale blindata: le immagini

Ci ha provato sui titoli di coda, anche il senatore del Pd, Ernesto Magorno, a inserirlo tra le “cose da fare”. Ma c’è un problema che può costituire un vizio di forma: l’atto arriva dai banchi dell’opposizione e resterà fuori dal programma di governo.

La disperazione riporterà i precari sulle barricate. Questa mattina, si ritroveranno alle 9, nelle aree degli svincoli dell'A2 a Rende (Cosenza Nord) e Villa San Giovanni, ufficialmente per manifestare, per levare pubblicamente lamenti, gride disperate, richieste d’aiuto. Un presidio che potrebbe trasformarsi in altro.

Il rischio è che la manifestazione possa abbandonare la rotatoria e risalire lungo la rampa per spezzare in due la Salerno-Reggio Calabria e, quindi, l’Italia. E la stessa cosa potrebbe avvenire a Sud, allo svincolo di Villa San Giovanni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook