Venerdì, 16 Novembre 2018
L'APPELLO

Gioia Tauro, l'ospedale è senza anestesisti e il primario rifiuta il trasferimento: "Mi licenzino pure"

di

"Io questo ospedale non lo lascio, neanche con la forza. Devono arrestarmi o licenziarmi in tronco. Sfido l’azienda a darmi delle risposte". È l’accorato sfogo di un medico del “Giovanni XXIII” di Gioia Tauro, il dottor Lino Mamone, anestesista-rianimatore con più di quarant’anni di onorato servizio, 46 e sei mesi per la precisione.

A Gioia il SAR risulterebbe ancora attivo, l’unico anestesista rimasto deve prendere servizio a Polistena, non si può garantire un servizio di anestesia H24 senza un anestesista, ad oggi è ancora garantito perché Mamone si rifiuta di andare a Polistena.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X