Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Ponte: Siclari "Toninelli spieghi volontà Governo"

ponte stretto, siclari, toninelli, Calabria, Archivio
PONTE SULLO STRETTO

"Anziché pensare alle poltrone da dividersi tra Rai, Anas e Fs, ed alla politica degli annunci sulla Tav, il ministro Toninelli dica, una volta per tutte, qual è la volontà del suo Governo circa il completamento del corridoio Berlino-Palermo, con la realizzazione del Ponte sullo Stretto". Lo afferma, in una nota, il senatore di Forza Italia Marco Siclari. "La Sicilia - aggiunge Siclari - oltre ad essere isolata è desolata. Occorrono quattro ore di treno per attraversare tre chilometri di mare che con il ponte diventerebbero 3 minuti. Senza il ponte non ci sarà mai il completamento dell'alta velocità, né è possibile realizzare quell''accelerazione sul traffico merci su ferro per rendere più competitiva la catena logistica italiana e del Mediterraneo', come auspicato dal sottosegretario alle infrastrutture e Trasporti Edoardo Rixi. I sindaci di Messina e Villa San Giovanni, così come le Regioni Calabria e Sicilia, si sono spesso pronunciati a favore dell'opera. Toninelli ora si esponga. Noi abbiamo fatto il possibile, con la legge obiettivo del 2001, per realizzare il corridoio Berlino-Palermo, poi frenato dal Governo Monti che ha bloccato la realizzazione de Ponte. Cosa farà l'attuale esecutivo? Lascerà il Sud desolato e magari troverà altre scuse o proseguirà con i soliti slogan? Sposteranno altrove i fondi che erano destinati al Sud? Adesso la Salerno-Reggio Calabria è finita, non ci sono più scuse per rinviare l'opera. Basta chiacchiere, il ministro si pronunci".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook