Venerdì, 28 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Un imperfetto piano criminale
COSENZA

Un imperfetto piano criminale

di
michele bruni, Cosenza, Calabria, Archivio
Un imperfetto piano criminale

Voleva sedersi al tavolo della gente che conta Michele Bruni. L’erede della famiglia “Bella bella” (deceduto negli anni passati a causa d’un brutto male) aspirava ad avere un posto di primo piano nell’ambiente criminale del capoluogo bruzio e desiderava, pure, un pezzo di quella ghiotta torta delle estorsioni, del traffico di droga e di tutte le attività satellite che fruttavano bei quattrini ai clan che all’epoca controllavano l’area urbana cosentina e la costa tirrenica. E poi c’era l’omicidio del padre che gridava vendetta. Quel sangue del capofamiglia, che aveva inzuppato il sedile d’una Mercedes marrone, a poche centinaia di metri dall’ingresso del carcere di via Popilia, da cinque anni attendeva d’essere lavato come si conviene nell’universo delle ’ndrine.

Leggi il resto dell'articolo nell'edizione cartacea

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook