Martedì, 04 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio "Nella Piana kalashnikov al prezzo giusto"
PALMI

"Nella Piana kalashnikov al prezzo giusto"

di
kalashnikov, Reggio, Calabria, Archivio
"Nella Piana kalashnikov al prezzo giusto"

Molte strampalate conversazioni captata dagli uomini della Squadra Mobile di Reggio Calabria è tra due dei principali indagati dell’indagine “Arma cunctis”, il locrese Giuseppe Arilli e il cinquefrondese Francesco Tigani. I due, in modo un po’ goffo, tentato di celare il vero oggetto della telefonata: la compravendita di armi.

E sono tantissime le intercettazioni ambientali e telefoniche che gli investigatori captano tra gli indagati. Lo spaccato che emerge è preoccupante: esiste un imponente e continuo traffico di armi che collega la costa ionica con quella tirrenica della provincia reggina. Nella piana di Gioia Tauro, gli uomini del clan Commisso di Siderno e di quello Zucco-Cataldo di Locri comprano pistole e fucili, armi da guerra e munizioni. Al centro di questo presunto traffico ci sarebbero, oltre al meccanico incensurato Francesco Tigani, anche altri uomini della piana: Maurizio Napoli e Giorgio Timpano di San Giorgio Morgeto e Domenico Russo di Rizziconi.

Questo forte e intenso collegamento con la piana emerge fin dalla prima intercettazione. Sono le 19.41 del 6 luglio 2013, infatti, quando gli inquirenti intercettano Arilli e Domenico Zucco, appartenente all’omonimo clan di Locri, che discutono di una partita di “Kalashnikov”. Gli investigatori ci mettono pochi minuti a capire che una parte consistente del business delle armi ha la sua base nella piana di Gioia Tauro.

D: «Sette e sessantadue…minchia…sono grossi questi…»

G: «Se sai qualcuno?…» D: «Ma tu ti vuoi comprare un…coso?». G: «Che cosa?…» D: «Vuoi un Kalashnikov nuovo nuovo nuovo?» G: «Vedi se me li trovi… Però mi interessa sapere il prezzo… prima… perché altrimenti me li faccio portare dalla Piana… perché noi dalla parte della Piana…». D: «Lo so che costano care… non li trovi facilmente…». G: «Trovare dalla parte della Piana si trovano… come vuoi…».

Una intercettazione inquietante: «Nella piana – dice Arilli – li trovi come vuoi e al prezzo giusto». E grazie alla microspia piazzata nell’auto di Arilli, gli investigatori della Mobile riescono a scoprire uno a uno i fornitori che dalla tirrenica riforniscono di armi gli uomini della Locride. È il caso del rizziconese Domenico Russo. In una intercettazione, Arilli sostiene di avere visionato un deposito piano di fucili: «Questi – dice Arilli a questo riguardo a un altro uomo –, secondo me, è qualche squadra di quelli che rubano i fucili...», decantando il numero e la qualità delle armi posseduta da Russo. Nel prosieguo delle indagini, i poliziotti riescono a ricostruire i ruoli che i vari indagati della Piana avrebbero rivestito nell’associazione: Maurizio Napoli e Giorgio Timpano «con il ruolo di promotori e di organizzatori dell’associazione», si legge nell’ordinanza, e insieme a Domenico Russo «anche quali stabili fornitori di armi e munizioni del sodalizio…».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook