Lunedì, 19 Novembre 2018

La “mafia nera” attiva e spietata in Calabria

di
mafia nera, nigeriane, prostituzione, Calabria, Archivio
La “mafia nera” attiva e spietata in Calabria

La mafia “nera”. Dotata distatuti, riti di affiliazione, gerarchie, saluti convenzionali, simboli di riconoscimento, “azionisti” e “tribunali”. La criminalità organizzata nigeriana che immaginiamo lontana e ininfluente è, invece, vicinissima ai nostri paesi. E conta su due grandi organizzazioni - “Black axe” e “Eiye” - che si occupano di tutto: dalla clonazione della carte di credito, alla gestione del racket della prostituzione passando per lo spaccio di cocaina e le estorsioni. La loro simbologia ed i rituali di affiliazione richiamano le cosche nostrane, la ferocia, invece, le supera. Nelle due “famiglie” si entra per cooptazione e l’inziazione degli adepti avviene solo dopo che hanno mostrato adeguata ferocia e smisurato coraggio. I nigeriani in Calabria “gestiscono” le ragazze mandate a battere nella Piana di Gioia Tauro, in quella di Sibari e lungo le vie costiere di collegamento che da Lamezia Terme portano fino ad Amantea. Per far soldi con le “lucciole” i mafiosi africani utilizzano le “maman” donne incaricate di organizzare sui diversi territori la distribuzione delle ragazze.

L'articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X