Domenica, 23 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rivelazioni sull'omicidio Iemma?
LOCRI

Rivelazioni sull'omicidio Iemma?

di
eirene, mandamento jonico, omicidio iemma, Reggio, Calabria, Archivio
Rivelazioni sull'omicidio Iemma?

Nella maxi inchiesta “Mandamento Jonico”, coordinata dalla Procura distrettuale antimafia reggina, è confluita un’indagine eseguita dai carabinieri, che hanno ritenuto di aver acquisito degli elementi informativi in ordine a una serie di omicidi commessi nel territorio di Locri, avvenuti alla fine degli anni Novanta. In un capitolo dell’informativa “Eirene” i carabinieri riportano una serie di intercettazioni che ruotano intorno ad Antonio Cataldo (‘64), fratello di Giuseppe Cataldo (‘69) ucciso nel febbraio del 2005 a Locri.

È il marzo del 2013 i carabinieri registrano una conversazione tra l’oggi 53enne Cataldo e tale Ursino dove si parla, fra l’altro, dell’omicidio di Antonio Iemma, consumato a Locri il 17 luglio 1996 e rimasto irrisolto. Cataldo, come riportato nell’informativa, racconta che la pistola con la quale sarebbe stato perpetrato il delitto sarebbe stata gettata in un cassonetto della spazzatura e un passante l’avrebbe trovata. «Hanno trovato la pistola... in un cofanetto della spazzatura... l’ha buttata “..”», avrebbe detto Cataldo aggiungendo: «Uno ha visto che apre questo c... di cofanetto della spazzatura... ad uno che buttava qualcosa, gli sembrava che non fosse droga, soldi... va a prendere e che trova... la pistola!. E pensa questo non sapeva neanche che avevano sparato a mio zio, che avevano ammazzato mio zio...». E ancora: «Ha visto che hanno buttato la pistola... ha preso la pistola e gliel’ha portata ai parenti miei lì...».

Il resto dell'articolo leggilo sull'edizione on line

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook