Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
REGGIO

Fallimento Veolia, il “buco” è di 235 milioni

di
veolia, Calabria, Archivio
Fallimento Veolia, il “buco” è di 235 milioni

Reggio Calabria

All'ingresso degli impianti di trattamento dei rifiuti calabresi ancora qualche targa con la scritta "Veolia" resiste ancora. Resta, però, solo il nome a Reggio Calabria, Gioia Tauro, Siderno, Crotone e Rossano perché ormai da quasi cinque anni il colosso italo-francese non c'è più. È scappato via da tutta Italia e dalla Calabria perché gli utili non erano tali da soddisfare il consiglio di amministrazione e le liti e i contenziosi nei vari territori erano diventati insopportabili. Ma a distanza di cinque anni le conseguenze di quella stagione ancora sono vive. E purtroppo non sono buone. La società Veolia, poi diventata "Gestione Ambientali" e poi ancora "Termo Energia Calabria" con le altre varie articolazioni regionali, è fallita ma la procedura giudiziaria pendente davanti al Tribunale di La Spezia è ancora pendente.

La “voragine” dei conti

Il dato che viene fuori leggendo la situazione dello stato del passivo redatta dai due curatori Riccardo Dessi e Saverio Reggi e consegnata al giudice delegato Adriana Gherardi parla di un buco, solo in Calabria di 235 milioni di euro. E si parla solo delle domande tempestive, cioè quelle presentate entro i termini e già esaminati dai curatori e dal tribunale. Le somme sono così suddivise: crediti prededuttivi 372 mila euro; pignoratizi 7 milioni e mezzo; privilegiati 83 milioni; chirografari 144 milioni.

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook