Venerdì, 07 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Donne incinte occupano gli alloggi Aterp
LAMEZIA TERME

Donne incinte occupano gli alloggi Aterp

di
case popolari, lamezia terme, occupazione, Catanzaro, Calabria, Archivio
Donne incinte occupano gli alloggi Aterp

Lamezia Terme

L’assedio è partito intorno alle 16. Ed è continuato fino alle 21. Poi gradualmente, ma soprattutto senza violenza, ognuno è stato portato fuori dalla palazzina popolare occupata. È la storia disperata di un blitz messo a punto da alcune giovani coppie convinte che le case non si comprano ma si prendono, quando non vengono date.

La strategia è stata studiata per bene. Dentro la palazzina a sei piani, in pieno giorno, sono state portate le donne incinte ed i bambini piccoli. Il più grande da prima elementare. I giovani mariti hanno prima aiutato i familiari ad entrare. Hanno smontato un pezzo di ringhiera di ferro intorno all’immobile nuovo, finito ma totalmente vuoto, e rotto i vetri del portone d’ingresso. Poi hanno lasciato dentro mogli e figli e sono usciti per controllare la situazione. Che ben presto è diventata rovente.

In Via Cianflone, quartiere popolare di Savutano, sono piombate pattuglie della polizia di Stato, di carabinieri e vigili urbani. Ma chi aveva preso d’assedio quegli alloggi non ancora assegnati non demordeva. «Questa è casa mia», urlava dalla finestra una delle donne con un vistoso pancione. Il serraglio sembrava riuscito.

Continua a leggere l'articolo nell'edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook