Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Governatori-commissari alla Sanità, è polemica
CALABRIA

Governatori-commissari alla Sanità, è polemica

calabria, oliverio, sanità, Calabria, Archivio
Governatori-commissari alla Sanità, è polemica

Mentre a livello nazionale infuria la polemica sull'emendamento approvato dalla commissione Bilancio della Camera con il quale, se la norma non sarà ritirata, la sanità delle Regioni commissariate sarà riaffidata ai Governatori mandando a casa i commissari ad acta, in Calabria si registrano le prime reazioni ufficiali. Ernesto Magorno, segretario regionale Pd, ne ha parlato ieri dando notizia dei due emendamenti varati che riguardano la Calabria: il primo concerne "lo stanziamento di circa 50 milioni di euro da destinare al rinnovo dei contratti per i precari del bacino degli lpu e lsu calabresi, circa 5mila persone a cui grazie all'impegno della deputazione calabrese e del Governo Renzi riusciamo a dare una risposta importante - fa notare - in termini di continuità lavorativa".

Solo in seconda battuta Magorno annuncia l'approvazione della norma che - se ratificata anche dall'Aula dove peraltro è attesa la richiesta di fiducia, con il via libera definitivo nel pomeriggio di lunedì 28 - consentirà al presidente di Regione di ricoprire il ruolo di commissario alla Sanità (con verifica semestrale dei Ministeri affiancanti), "superando così un divieto che era stato inserito nella legge di stabilità 2015 e restituendo agli amministratori del territori le giuste competenze - sostiene - nella gestione di un settore delicato".

Di tutt'altro tenore il commento dell'on. Jole Santelli, coordinatrice regionale di Forza Italia, secondo la quale "quello che sta facendo Renzi non ha eguali: pur di impegnare i suoi uomini per il Si al referendum sta cedendo ai diktat di De Luca e Oliverio sul commissariamento delle Regioni sottoposte a piano di rientro e cederà a tutte le richieste provenienti prima del 2 dicembre".
Da parte sua l'attuale commissario ad acta nominato da Renzi, Massimo Scura, interpellato non ha voluto commentare in alcun modo l'approvazione dell'emendamento che può porre fine al mandato suo e del sub commissario Andrea Urbani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook