Martedì, 18 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
RITARDI NEGLI INDENNIZZI

Sangue infetto, svolta nell'inchiesta

di
catanzaro, inchiesta, sangue infetto, Calabria, Archivio
Sangue infetto, svolta nell'inchiesta

È il calvario dei 1.027 emodanneggiati dal Pollino allo Stretto, che adesso vedono anche l’evolversi verso l'archiviazione di un'inchiesta sui ritardi condotta dalla Procura di Catanzaro. Secondo i pm, infatti, non ci sono reati di natura penale nella mancata erogazione, ma soltanto questioni amministrative e civili. Una tesi che non convince l’avvocato Janfer Critelli, il quale ha presentato prima la denuncia per conto di un emodanneggiato catanzarese e adesso la formale opposizione alla richiesta di archiviazione delle indagini contro ignoti, che ha convinto il gip del capoluogo a fissare un'udienza camerale. Si potrebbe configurare un’omissione in atti d’ufficio: «La fattispecie merita il giusto approfondimento, atteso che comunque discutiamo di denaro pubblico».

Approfondimento sull'edizione di Gazzetta del Sud in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook