Mercoledì, 23 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SANITÀ

Laboratorio Rende
no a chiusura

asp, laboratorio, mario oliverio, massimo scura, quattromiglia, Calabria, Archivio

Sindaci dell’hinterland cosentino mobilitati contro il decreto Scura che prevede la chiusura del laboratorio di analisi di Quattromiglia a Rende all’interno del poliambulatorio. Il sindaco di Rende Marcello Manna che ha già incontrato il commissario straordinario dell’Asp di Cosenza Gianfranco Filippelli esternando preoccupazione e allarme per la possibile chiusura del Laboratorio  ha deciso ,con gli altri sindaci di Bisignano, Castrolibero,  Castiglione Cosentino, Luzzi, Lappano, Montalto Uffugo, Marano Marchesato, Marano Principato,  San Fili, San Vincenzo La Costa di lanciare un appello al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e al Commissario ad Acta della sanità calabrese Massimo Scura affinchè si pongano in essere tutte le azioni volte al mantenimento di una struttura di eccellenza qual è il Poliambulatorio di Quattromiglia con all’interno il suo laboratorio di analisi. Bisogna scongiurare “la chiusura del  Laboratorio- spiegano nella nota i sindaci- anche perché ha sempre svolto attività di servizi quali: dialisi territoriali, medicina del lavoro, casa circondariale, assistenza domiciliare integrata potendo accogliere ulteriori punti di prelievo ed incrementare la propria capacità lavorativa. Il laboratorio di analisi di Quattromiglia, da oltre 20 anni, è sempre stato quel punto di riferimento e quel fiore all’occhiello per cittadini di questo territorio”. Il decreto prevede punti di prelievo, ma il materiale biologico prelevato verrebbe inviato nei presidi ospedalieri Spoke ed Hub seguendo un percorso differente a seconda degli esami richiesti con possibili e prevedibili disguidi sia per l’esecuzione che per la raccolta dei dati. I sindaci sono anche preoccupati per la qualità e spiegano che “nel decreto sono previste chiusure di laboratori ospedalieri periferici sostituiti con i cosiddetti “Poct” in cui esami urgenti di prima diagnosi verrebbero effettuati con strumenti (chimica secca) simili a quelli delle farmacie, da personale ospedaliero generico e non di laboratorio”. Per tutte queste ragioni i sindaci sollecitano un incontro con Oliverio e Scura volto a scongiurare la chiusura del laboratorio. La nota termina con una precisazione importante: “Il problema non è solo di Rende -spiegano i sindaci- ma di tutto il comprensorio ed è una battaglia che va fatta nell’interesse dei cittadini e a tutela di una struttura sanitaria pubblica di grande pregio”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook