Lunedì, 16 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio 'Ndrangheta, alla sbarra le "famiglie" di Imperia
"LA SVOLTA"

'Ndrangheta, alla sbarra
le "famiglie" di Imperia

'ndrangheta, genova, imperia, Calabria, Archivio
giustizia3

E' iniziato a Genova il processo d'appello 'La svolta', che in primo grado sentenziò la presenza della criminalità' organizzata di stampo 'ndranghetista in provincia di Imperia. I giudici hanno ammesso la costituzione di parte civile della Regione Liguria e dei comuni di Ventimiglia e Bordighera. I detenuti sono collegati in teleconferenza all'aula bunker del tribunale di Genova, che per l'occasione è stato dotato di un altro metal detector per garantire la sicurezza. Il pm distrettuale Giovanni Arena, infatti, era stato minacciato da alcuni imputati alla lettura della sentenza di primo grado e da quel momento vive sotto scorta. A Imperia, i giudici avevano inflitto pesanti condanne, tra cui sedici anni a Giuseppe Marcianò e tredici anni al figlio Vincenzo. Erano stati assolti, invece, l'ex sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino, l'ex city manager del Comune Marco Prestileo, e Federico Paraschiva. Scullino e Prestileo sono presenti in aula oggi. L'indagine era nata da un lunga serie di attentati incendiari che tra il 2011 e il 2012 presero di mira auto, moto, furgoni, negozi e imprese. Gli arresti, 15, erano scattati a dicembre 2012.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook