Sabato, 01 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Fincalabra replica su Fuoc no stallo
REGIONE

Fincalabra replica
su Fuoc no stallo

Fincalabra scende in campo sulla vicenda FUOC con una nota di precisazione: “ Sel Fondo Unico per l’Occupazione e la Crescita non vi è nessun blocco e nessun pasticcio in atto. Né vi è alcun paventato rischio di dover restituire all’Europa parte del finanziamento di 57,5 milioni di euro previsto. Al contrario, vi sono procedure di accesso trasparenti, tempi certi e numeri importanti, in termini di partecipazione (circa 900 domande) e di ammissione al beneficio, che rispecchiano esattamente gli obiettivi prefissati e dichiarati con la pubblicazione del bando nel mese di aprile scorso. Per quanto riguarda, in particolare, il Fondo Occupazione chiamato in causa, FINCALABRA resta in attesa di ricevere la polizza fideiussoria prevista, da parte delle aziende che si sono avvalse della procedura semplificata. – In data odierna, inoltre, sono state incontrate le aziende per fugare ogni dubbio rispetto a procedure e tempi dei finanziamenti in corso.  Com’è noto il FUOC si compone di tre strumenti che la Regione Calabria – Dipartimento Sviluppo Economico, Lavoro e Politiche Sociali, mette a disposizione degli utenti attraverso Fincalabra: Microcredito, Occupazione e Approdo. I bandi (pubblicati il 2 aprile scorso) seguono una procedura a sportello. Ed al fine di garantire ai cittadini ed alle imprese un’informazione trasparente e corretta, Fincalabra ha messo a disposizione sul suo sito web tutte le informazioni necessarie ad una corretta predisposizione della domanda di finanziamento, oltre a permettere l’invio on-line della domanda stessa. Di concerto con il Dipartimento, inoltre, è stata realizzata una campagna informativa, con seminari ed incontri su tutto il territorio regionale, in collaborazione con enti locali ed associazioni di categoria.  Nel caso del Fondo Occupazione, le aziende possono accedere attraverso due diverse procedure, una ordinaria (89 domande) mediante la quale le aziende si sottopongono ad una valutazione di merito creditizio ed una semplificata (198 domande) a garanzia, mediante presentazione di idonea polizza fideiussoria da perfezionare prima dell’erogazione del finanziamento.  La richiesta della polizza fideiussoria, rilasciata da soggetti autorizzati ad emettere garanzia in favore di soggetti pubblici  o di chi li rappresenta, nel rispetto della normativa vigente, alle aziende che non si sottopongono all’analisi del merito creditizio, ha lo scopo precipuo di  tutelare la restituzione delle risorse pubbliche messe a disposizione del FUOC, nel rispetto delle normative europee. A ciò si aggiunga che i beneficiari del FUOC, sempre nel caso del Fondo Occupazione (sono state ammesse 16 domande su 84 istruite per oltre 2 milioni di euro), restano i soggetti svantaggiati e molto svantaggiati previsti dal Por". Fin qui Fincalabra,  ma resta un dubbio: come è stata risolta la questione delle fidejussioni sollevata da proponenti e consulenti delle richieste? E come mai c'è un rimpallo tra la Finanziaria della Regione e il Dipartimento al Lavoro?

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook