Lunedì, 26 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Assistenzialismo è nemico del Sud
AMANTEA (CS)

Assistenzialismo è
nemico del Sud

Superare l’assistenzialismo e la visione dualistica nord-sud. E’ questo il messaggio lanciato dal governatore Mario Oliverio dalla festa dell'Unità di Amantea. “La riva Sud del Mediterraneo –ha sottolineato Oliverio- sarà la nuova frontiera mondiale dello sviluppo, soprattutto dopo il recente raddoppio del Canale di Suez. In questo quadro bisogna assumere nelle strategie nazionali il Mezzogiorno come punto di partenza non per riproporre, ammesso che ce ne fossero le condizioni economiche e i margini, vecchie e fallimentari ricette assistenziali. Il più grande nemico del Mezzogiorno è proprio l’assistenzialismo, che ne ha ripiegato e mortificato le potenzialità. Non abbiamo bisogno di elemosine, ma di un grande progetto innovativo da mettere in campo. Bene ha fatto, quindi, Matteo Renzi, a dedicare una riunione straordinaria della Direzione Nazionale del Pd al problema del Mezzogiorno, a cui ne seguiranno altre nel mese di settembre, per dar corpo ad un vero e proprio cronoprogramma di interventi da effettuare nel Mezzogiorno. Ora spetta a noi cancellare i sospetti, gli antichi pregiudizi, le immagini stereotipate dentro cui si è nutrito per un lungo tempo il “pesce leghista” ed avere le carte in regola per poterci confrontare, senza alcun imbarazzo, al tavolo del confronto nazionale. Questa è la sfida che abbiamo davanti e su questo obiettivo abbiamo impostato il lavoro del governo regionale”. Il Paese riparte –ha aggiunto Oliverio-  se ripartiranno, insieme, il nord e il sud. Non sarà così fino a quando da Reggio Calabria a Roma si impiegherà ancora il doppio del tempo che si impiega da Roma e Milano. La TAV fino a Reggio Calabria e per la Sicilia dovrà essere l’infrastruttura che dovrà consentire la ricomposizione del Paese e anche la sua proiezione verso il Mediterraneo. Bisognerà puntare, inoltre, sulle reti, sulla banda ultra-larga, su Gioia Tauro, sull’istituzione della Zona Economica Speciale. Dobbiamo por mano ad un grande progetto per la sistemazione idrogeologica e definire strumenti che offrano un quadro di convenienza agli investitori e agli investimenti. Dobbiamo agire sulla fiscalità, su forme di automatismo come, per esempio, il Credito d’Imposta, che sgancino sempre di più il rapporto con l’economia dalla mediazione politica”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook