Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
TIRRENO COSENTINO

Frode depuratori
chiesti 5 rinvii

bruno giordano, depurazione, paola, procura, rinvio a giudizio, smeco, Calabria, Archivio

Depurazione, o meglio ‘maladepurazione ‘ sul tirreno cosentino. Nuova richiesta del procuratore di Paola, Bruno Giordano, di rinvio a giudizio per 3 amministratori della SMECO, che gestisce la gran parte dei depuratori del tirreno cosentino, e  due funzionari dei comuni di Paola e Fuscaldo. L’accusa questa volta è di truffa aggravata. Secondo quanto accertato dagli inquirenti, e la cosa se confermata è gravissima,  i cinque in concorso avrebbero distratto i finanziamenti ottenuti dalla regione, circa 250 mila euro,  tra il 2009 e il 2011 per superare le disfunzioni nei depuratori di Paola e Fuscaldo, che tanti danni hanno procurato alla balneabilità  delle acque. Si sarebbe, praticamente, speculato persino sugli interventi riparatori, fregandosene dell’inquinamento del mare e delle conseguenze ambientali. Tra l’altro   ben tre degli odierni indagati, gli amministratori unici e il commissario liquidatore della Smeco,  Domenico Albanese, Raffaele Romeo e Rosaria Rita Mazzacuva sono imputati, con Jessica Plastina capo area della società,  nel processo scaturito dal primo troncone di indagine ‘Smeco-Giseco’  per disastro ambientale, frode nelle forniture e illecito smaltimento dei rifiuti, i fanghi scaricati direttamente a mare. Dibattito la cui prima udienza è fissata davanti al tribunale di Paola per il prossimo 9 giugno. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook