Lunedì, 15 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Percentuale in succo scontro Coldiretti Consorzio Citrag
ARANCE

Percentuale in succo
scontro Coldiretti
Consorzio Citrag

arance, aranciata, calabria, citrag, coldiretti, sicilia, ue, Calabria, Archivio

“Solo nella Piana di Rosarno - Gioia Tauro ci sono le più buone e succose arance bionde sufficienti per produrre  i 500 milioni di litri di bibite annue che si fanno in Italia addirittura con  una percentuale del 25% di succo”. E’ secca e non fa sconti la replica di Coldiretti Calabria al Consorzio CITRAG (Consorzio Industrie Trasformazione Agrumi che si trova nel Comune di Pace della Mela – Messina) che in questi giorni ha detto no all’aumento al 20% di succo di arance nelle aranciate previsto dall’art. 17 comma 1 della legge 161/2014 del 30 ottobre 2014 e che entra in vigore 12 mesi dopo “ il perfezionamento con esito positivo, della procedura di notifica alla Commissione europea”.  Pietro Molinaro rilancia affermando: “ Siamo pronti a sottoscrivere contratti pluriennali purchè  il prezzo delle arance sia almeno di 15 cent. al kg. Basta ai ricatti alle Istituzioni  - continua – e l’inganno ai cittadini consumatori, il NO al succo di arance nelle aranciate da parte del Consorzio Citrag è l’ennesimo tentativo perseguendo la tesi della difesa della competitività dell’industria italiana che però pensa  esclusivamente ai suoi costi di produzione a discapito dei cittadini e degli agricoltori”. La Coldiretti ribadisce ancora una volta che la norma che stabilisce la percentuale minima al 12% di succo di arance nelle bibite analcoliche è del 1961, cioè di ben 54 anni fa, e oggi l’attenzione e la consapevolezza e il gusto dei consumatori è profondamente cambiato. Siamo pronti a sottoscrivere – ribadisce -   contratti pluriennali sia di arance bionde che di succo concentrato tramite cooperative che operano nella piana di Rosarno – Gioia Tauro a condizione che le multinazionali e il Consorzio Citrag non pensino di continuare a sfruttare gli agricoltori ed i lavoratori sottopagando le arance a 0,7 cent al kg e continuare ad avere 3 cent . di succo in un litro di aranciata. Sarebbe interessante – prosegue – per l’Italia e i cittadini che acquistano i 500 milioni di litri di aranciata sapere i margini di guadagno lungo tutta la filiera e quindi la trasparenza sul prezzo finale.Noi di certo sappiamo che oggi sottopagando le arance, a 7 cent. al kg e con il 12% di succo in un litro di aranciate ci sono 3 cent. e vi è un ricarico del 4333%,  passando a 15 cent. il ricarico sarebbe comunque consistente 2167%. Quanti litri di aranciate - conclude Molinaro -  prodotte all’estero con meno del 12% di succo vengono consumate in Italia e a che prezzo vengono vendute? Siamo in attesa di risposte vere anche ad Expo 2015 dove da tempo abbiamo chiesto alle multinazionali delle bibite un confronto".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook