Domenica, 07 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Coldiretti denuncia arance 'clandestine' concorrenza sleale
AGRUMICOLTURA

Coldiretti denuncia
arance 'clandestine'
concorrenza sleale

agrumi, calabria, coldiretti, corigliano, Calabria, Archivio

"E' gravissimo lo stato di crisi di mercato del settore ortofrutticolo e piu' specificatamente di quello agrumicolo che sta mettendo in ginocchio le imprese agricole calabresi. Eppure quotidianamente nel territorio ionico tra Corigliano e Rossano Calabro, ma non escludiamo che accada anche da altre parti, abbiamo potuto riscontrare che sono arrivate, quasi quotidianamente prima ingenti quantita' di clementine, e tuttora arance, in una sorta di corsia preferenziale, in particolare spagnole che abilmente sono state stoccate e poi spacciate per italiane sui mercati nazionali alimentando un circuito illegale di importazioni/ di prodotti agroalimentari". E' una vera e propria denuncia quella  di Pietro Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria. Insomma agrumi "clandestini", che chiedono "asilo" e che creano concorrenza sleale ".     La Calabria, e' leader per quantita' e qualita' delle produzioni agrumicole ma - continua Molinaro - con l'importazione di agrumi dalle piu' svariate provenienze, le nostre produzioni rimangono sulla pianta e la piana di Rosarno Gioia Tauro e' la testimonianza piu' tangibile. Il consumatore pensando di acquistare arance calabresi, si porta a casa, senza saperlo, un prodotto di altro paese. Diversi magazzini della Calabria purtroppo si prestano a questo. I sequestri - afferma - sono all'ordine del giorno ma questo non basta E' una situazione non piu' sopportabile e necessariamente devono convergere gli sforzi della Regione Calabria e del Ministero per le Politiche Agricole al fine di elevare il livello dei controlli sulla totalita' e non solo su campionature di prodotti ortofrutticoli provenienti da Paesi extracomunitari e non, garantendo il monitoraggio nella fase della commercializzazione per garantire il consumatore contro le frodi alimentari che si celano dietro una falsa etichetta di provenienza del prodotto". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook