Venerdì, 30 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Clan Patania, chiesto il rinvio a giudizio per parroco e maresciallo
VIBO

Clan Patania, chiesto il rinvio a giudizio per parroco e maresciallo

di
clan patania, Catanzaro, Calabria, Archivio

   Dovranno comparire davanti al gup il 27 febbraio. Il sostituto procuratore Camillo Falvo, della Dda di Catanzaro, ha chiesto il rinvio a giudizio per 21 indagati coinvolti nell’operazione denominata “Romanzo Criminale”; un’indagine portata a termine dai carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, sotto il coordinamento della Procura distrettuale antimafia di Catanzaro. La richiesta di rinvio a giudizio non riguarda solo capi e gregari del clan Patania di Stefanaconi, nel recente passato protagonista di una sanguinosa faida con i cosiddetti “Piscopisani” che ha fatto quattro morti e sei tentati omicidi, ma pure il parroco don Salvatore Santaguida e l’ex maresciallo dei carabinieri Sebastiano Cannizzaro, ancora rinchiuso nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere. All’ex sottufficiale dell’Arma, che per anni ha guidato al stazione dei carabinieri di Sant’Onofrio, la Dda contesta il concorso esterno in associazione mafiosa, omissioni e abuso d’ufficio. Concorso esterno anche il reato ipotizzato a carico dell’ex parroco di Stefanaconi, anche se nei suoi confronti il gip non ha ritenuto di emettere alcuna misura cautelare. Secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti il parroco e il maresciallo avrebbero, con ruoli differenti, operato in maniera tale da favorire esponenti dei Patania. Alla base della richiesta di rinvio a giudizio, accuse che vanno dall’associazione mafiosa all’estorsione, dall’ususa ai danneggiamenti, dalla detenzione di armi al possesso di segni distintivi delle forze di polizia al favoreggiamento. Davanti al gup compariranno pure: Giuseppina Iacopetta, 60 anni, vedova del boss Nato Patania, di Stefanaconi; i figli Nazzareno Patania, Saverio Patania, Salvatore Patania, Giuseppe Patania e Andrea Nicola Patania. Richiesta di giudizio pure per Cosimo Francesco Caglioti, Damiano Caglioti, Francesco Lo Preiato (alias o’ killer), Alessandro Bartalotta (alias Cerza), Toni Mazzeo, Riccardo Cellura, (detto Richy), Antonio Sposato, Caterina Caglioti, Alex Loielo, Nicola Figliuzzi, Cristian Loielo, Rosalino Pititto e Daniele Bono. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook