Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Una anno fa il delitto mamma chiede giustizia
OMICIDIO COCÒ

Una anno fa il delitto
mamma chiede giustizia

Franco Corbelli, del Movimento Diritti Civili, ricorda il piccolo Cocò, il bambino di Cassano, ucciso e bruciato, il 16 gennaio del 2014, insieme al nonno e ad una giovane donna marocchina, aspetta e chiede “che, dopo un anno, venga finalmente fatta giustizia per la sua morte”. “Oltre due anni fa, i primi giorni di dicembre del 2012, iniziavo la mia battaglia per il piccolo Cocò, allora rinchiuso insieme alla giovanissima mamma nel carcere di Castrovillari. Il piccolo Nicola Campolongo, per tutti semplicemente Cocò, il 23 agosto scorso, avrebbe compiuto 4 anni. E questa ricorrenza è stata ricordata, il 23 agosto, con una commovente cerimonia, “Il Primo Memorial Cocò Campolongo”, che si è svolto allo stadio di Cassano. In quell’occasione ho ricevuto, direttamente dalle due sorelline del piccolo Cocò, un Premio, una Targa, per me di grande valore e particolare significato, che mi ha commosso, afferma Corbelli. Quel bambino, che non ho mai dimenticato, continuo a portarmelo nel cuore, ho pensato tante volte a lui, alla sua fine orribile, in questi mesi. Ho fatto di tutto in questo ultimo anno perché la tragedia del piccolo Cocò non venisse dimenticata e archiviata. Il piccolo Cocò ero riuscito, due anni fa, pochi giorni prima del Natale, il 22 dicembre 2012, a farlo uscire dal carcere insieme alla sua giovane mamma. Il giorno prima (il 21 dicembre) quello sfortunato bambino aveva patito un’altra grande sofferenza e ingiustizia. Era rimasto, al freddo, per 8 ore(dalle 9 alle 17)  in una gabbia dell’aula bunker del Tribunale di Castrovillari, insieme alla sua mamma, presente in aula, come imputata in un processo. Denunciai con sdegno questo fatto gravissimo e il giorno dopo il piccolo Cocò lasciò il carcere insieme alla sua mamma, che ottenne gli arresti domiciliari.  Quel bambino oggi sarebbe ancora vivo se avessero accolto i miei appelli (di concedere di nuovo di domiciliari alla giovane mamma di Cocò) quando hanno poi (all’inizio dell’estate del 2013) riarrestato la giovane donna perchè aveva portato (mentre era agli arresti a casa) il piccolo Cocò e le due sorelline a vedere il loro papà , allora detenuto a Catanzaro, afferma Corbelli. Aiuto ininterrottamente la famiglia di Cocò da allora, da oltre due anni. Sento, al telefono, la mamma(come ho fatto anche ieri ), la sorella(e zia di Cocò) , entrambe le donne sono ospitate in una casa famiglia, quando hanno necessità loro mi chiamano e io insieme al loro avvocato, Liborio Bellusci, mi attivo e intervengo subito. Oggi, un anno dopo quell’efferato delitto, si aspetta che venga finalmente fatta giustizia, che i crudeli assassini vengano individuati e arrestati”.

14 gennaio 2015

Connetti gratis il mondo con la nuova indoona: hai la chat, le chiamate, le video chiamate e persino le chiamate di gruppo.
E chiami gratis anche i numeri fissi e mobili nel mondo!
Scarica subito l’app Vai su https://www.indoona.com/

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook