Giovedì, 29 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Per 31 migranti pronta espulsone
SBARCO CORIGLIANO

Per 31 migranti
pronta espulsone

Sono 505 i migranti provenienti da paesi del nord Africa e Medio Oriente (tra cui Senegal, Mali, Eritrea, Siria, Marocco ed Egitto) sbarcati presso il porto di Corigliano Calabro,  giunti a bordo del pattugliatore della Guardia Costiera  “Bruno Gregoretti”. Ecco neldettaglio la situazione secondoilreport  della questura di Cosenza: La maggior parte dei migranti, 389 maschi e 42 donne, di cui 6 in stato interessante, sono stati smistati verso varie strutture di accoglienza presenti sul territorio nazionale. Inoltre 39 minori non accompagnati sono stati affidati al Sindaco del Comune di Corigliano Calabro. E’al vaglio della Questura di Cosenza la posizione di 31 migranti di nazionalità marocchina, di 2 di nazionalità egiziana e di 2 di nazionalità gambiana, attualmente presenti all’interno del Commissariato di P.S. di Rossano nei confronti dei quali, non sussistendo i presupposti di legge richiesti per la permanenza sul territorio italiano, sarà emesso un provvedimento di respingimento del Questore, con intimazione a lasciare il territorio dello Stato. Le operazioni di sbarco e smistamento degli stranieri, gestite dalla Questura di Cosenza ed opportunamente pianificate in sede di tavolo tecnico dal Sig. Prefetto di Cosenza, si sono protratte per l’intera notte ed hanno coinvolto circa 100 unità fra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria di Porto, Protezione Civile e personale sanitario. Dai controlli sanitari effettuati sui migranti nelle prime fasi dello sbarco si è accertato che gli stessi risultano essere in condizioni complessivamente buone, non evidenziando patologìe di particolare gravità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook