Lunedì, 17 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio L’assassinio del piccolo Cocò è rimasto un crimine impunito
CASSANO

L’assassinio del piccolo Cocò è rimasto un crimine impunito

Nicola Campolongo è stato ammazzato il 16 gennaio del 2014 con due colpi di pistola alla testa mentre si trovava in auto con il nonno materno e una donna marocchina. Aveva tre anni. Il barbaro delitto spinse il Papa a parlarne la domenica successiva all’Angelus in piazza San Pietro e, successivamente, a programmare un viaggio in Calabria. Nelle settimane susseguenti al delitto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, incontrò in Prefettura a Cosenza i rappresentanti della magistratura e delle forze dell’ordine. Subito dopo, confrontandosi con la stampa, Alfano disse che i responsabili del barbaro crimine sarebbero stati assicurati alla giustizia. Così non è stato

 

Nell’edizione cartacea in edicola oggi potete leggere l’articolo di Arcangelo Badolati 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook