Sabato, 16 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Allarme su BCC chiusure sospette
BANCHE

Allarme su BCC
chiusure sospette

bankitalia, bcc calabria, commissariamento, movimento difesa del cittadino, Cosenza, Calabria, Archivio

In Calabria  è in atto una pericolosa strategia tesa a smantellare il sistema delle BCC, unico baluardo alla raccolta selvaggia, senza investimenti delle grosse banche. Troppi i commissariamenti e  fallimenti di queste banche un tempo rurali che oltre fare guadagni hanno sempre  aiutato l’economia locale per quello spirito sociale impresso da don De Cardona nell’atto costitutivo oltre un secolo fa.  Indice puntato su Bankitalia. E’ la denuncia, forte, circostanziata del Movimento Difesa del cittadino che in una interrogazione avanza sospetti e chiede chiarimenti.  “In Calabria e nel cosentino in particolare si assiste ad un crack del sistema cooperativo che appare come un preciso disegno criminale: l’una dopo l’altra le bcc della provincia di Cosenza e non solo stanno andando in liquidazione, cedute a prezzo di saldi ad altri istituti, quasi sempre gli stessi. Imponenti commissariamenti e poi i fallimenti. E’ accaduto con le BCC di Cosenza, Tarsia, Scandale, San Vincenzo La Costa, Sibaritide, banca dei due mari di Calabria, sta accadendo con il credito cooperativo società cooperativa, in amministrazione straordinaria, Bcc Banca Brutia in fase di commissariamento”. Il Movimento sottolinea un aspetto non secondario: il fallimento comporta l’azzeramento delle quote societarie, e queste banche fondano sull’azionariato, le quote di migliaia di piccoli risparmiatori vengono cedute agli istituti subentranti insieme al patrimonio, alle attività e passività. Passività che – secondo la difesa del cittadino- spesso sono create ad arte. Infatti appare sospetto che la Bankitalia non sia mai riuscita a risanare un istituto, i suoi commissari diventano inflessibili rispetto a qualche violazione o irregolarità, che per carità ci saranno sicuramente, ma che non vengono viste, sebbene macroscopiche quando si tratta di grandi banche. Basti pensare alla scandalosa vicenda del Monte dei Paschi di Siena, scoppiata dopo anni di malefatte e  i cui vertici sono stati condannati per usura, o ancora ai sette miliardi di titoli tossici della Carige. Per molte BCC nessuna pietà. Indubbiamente non tutte hanno operato in trasparenza e con correttezza, ma non tutte quelle liquidate lo meritavano. Da qui il sospetto avanzato dal Movimento che il commissariamento sia utilizzato spesso come strumento per far fuori  le banche che lavorano per dare ossigeno alle aziende e alle famiglie in favore di altri istituti compiacenti legati ai cosiddetti poteri forti. La richiesta avanzata è quella di chiarimenti su queste operazioni   e sulla reale situazione della BCC Banca Brutia, in fase di commissariamento nonostante solo 2 anni fa il presidente vantava bilanci e risultati importanti. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook