Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Ghiaccio su strada CGIL contro ANAS
STATALE 107

Ghiaccio su strada
CGIL contro ANAS

anas, cgil cosenza, ss 107, Calabria, Archivio

Duro attacco della CGIL di Cosenza all'ANAS per la mancata manutenzione della SS 107. Il segretario Angotti in una notte scrive: "Questa mattina, sulla ss 107 Silana - Crotonese all’altezza del Km 62, presso il Comune di Spezzano della Sila, per l’ennesima  volta, un’autovettura, è stata coinvolta in un incidente stradale a causa del ghiaccio che si formato durante la notte, per via dell’abbassamento delle temperature di queste ultime settimane.Fortunatamente, solo il caso ha voluto che in quel momento, su quest’ultima importantissima arteria stradale, non sopraggiungessero altri veicoli, così da evitare quella che potrebbe essere stata una tragedia annunciata.Infatti, il pezzo dell’arteria in questione, per come è noto, è collocata in una zona di Montagna, dove, secondo le direttive Ministeriali indicate anche dalla segnaletica presente di solito sulle strade di Montagna, a partire dalla data del 15 di Novembre, vige l’obbligo per tutti gli autoveicoli, di avere le catene a bordo e/o avere montato le gomme invernali, ma nello stesso, vige anche l’obbligo che venga cosparso il sale sul manto stradale da parte della società ANAS S.P.A., la quale ha la responsabilità della manutenzione della strada in questione.    Pertanto, non si capisce come mai l’ANAS S.P.A. non abbia ancora provveduto neanche ha programmare tale lavorazione, fondamentale a  garantire a tutti gli utenti che giornalmente transitano su questa importantissima arteria che attraversa l’intero Altopiano Silano la sicurezza necessaria, nonostante la stessa strada, è spesso teatro di gravissimi incidenti stradali anche in periodi dal clima più mite, figuriamoci in presenza di ghiaccio, dove la stessa quotidianamente viene percorsa da automobilisti a volte igrari della pericolosità che nasconde questa strada, soprattutto in particolari e avverse condizioni climatiche.A questo punto non ci resta che dire  “che il Signore c’è la mandi buona”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook