Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Vede il fantasma del figlio che ha assassinato
COSENZA

Vede il fantasma del
figlio che ha assassinato

  Daniela vive con il figlio. Con Carmine che ha ucciso a coltellate. Lo vede, gli parla, l’accarezza. Come è accaduto in quelle 48 ore trascorse chiusa in macchina, tra i boschi del Paolano sferzati dal Maestrale e dalla pioggia. La sua mente è rimasta imprigionata in quell’auto, con Carmine ghiacciato dall’arrivo della morte e lei intenta a coccolarlo, come se fosse vivo. L’esame psichiatrico eseguito su questa madre omicida tanto simile a Medea e pure tanto folle di dolore quanto Ecuba, madre di Ettore, rivela i tratti raggelanti d’un disagio profondo, d’una incommensurabile disperazione combattuta con la presenza d’un fantasma. Il fantasma “buono” d’un bambino assassinato a undici anni, che assiste, consola e rassicura chi gli ha tolto la vita. Quella di Daniela Falcone è la trasposizione moderna delle tragedie di Euripide, degli strazi e dei tormenti raccontati prima da Omero e, poi, da Virgilio e Dante. Dalla morte del figlio questa donna non parla più. Si esprime a gesti a causa di una afonia che non le permette di vocalizzare i pensieri. Lo psichiatra Giorgio Liguori l’ha incontrata nel carcere di Castrovillari, dove era rinchiusa fino a ieri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook