Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Tenta duplice omicidio a colpi di kalashnikov
CATANZARO

Tenta duplice omicidio
a colpi di kalashnikov

kalashnikov, limbadi, mancuso, tentato omicidio, Catanzaro, Calabria, Archivio
questura catanzaro

La Squadra mobile di Catanzaro ha arrestato un esponente di spicco della famiglia Mancuso di Limbadi, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Procura distrettuale antimafia. Gli inquirenti avrebbero fatto luce su un tentato duplice omicidio compiuto con un kalashnikov nei confronti di una donna e di suo figlio, appartenenti a una fazione diversa della stessa famiglia. Un altro familiare dei Mancuso ritenuto responsabile in concorso del reato, già irreperibile da circa un mese, non è stato ancora rintracciato. Decisive, ai fini delle indagini, le dichiarazioni di una donna, ex moglie di uno dei Mancuso, che ha deciso di collaborare con la giustizia. I bersagli della spedizione punitiva erano Romana Mancuso, 69 anni, di Limbadi, e il figlio Giovanni Rizzo, 42. Il fatto di sangue è avvenuto a Limbadi il 26 maggio del 2008 quando madre e figlio rimasero gravemente feriti a colpi di pistola e kalashnikov. Due le persone coinvolte nel provvedimento della Dda di cui una, Pantaleone Mancuso, 53 anni, detto "l'Ingegnere", residente a Nicotera, è latitante da un paio di mesi. I dettagli dell'operazione saranno resi noti le corso di una conferenza presso la Questura di Catanzaro. (AGI)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook